Mutui under 36: approfittane ora!

Se hai meno di 36 anni questo è il momento giusto per comprare casa, in quanto fino al 30 giugno 2022 puoi godere delle vantaggiose condizioni per il mutuo under 36 previste dal Dl Sostegni BIS (n. 73 del 25 maggio 2021), che porta la misura del finanziamento per l’acquisto della Prima Casa sino all’80% del valore dell’immobile.

Quali sono le condizioni di accesso

Le condizioni di accesso a tale agevolazione sono:

  • avere un’età inferiore ai 36 anni nell’anno di acquisto,
  • avere un’ISEE non superiore a 40mila euro annui,
  • non essere intestatario o cointestatario di un’altra abitazione nello stesso Comune in cui si trova l’immobile da acquistare,
  • non aver già usufruito dell’agevolazione Bonus Prima Casa, a meno che non si venda la prima comprata entro un anno dall’acquisto della seconda,
  • acquistare un immobile residenziale (no categorie A/1 – abitazioni di tipo signorile, A/8 – abitazioni in ville, A/9 – castelli e palazzi di eminente pregio storico e artistico) e adibirlo a prima casa.

Quali sono le agevolazioni previste

Il Dl n. 73/2021 prevede le seguenti agevolazioni per gli Under 36:

  • Mutuo per un valore pari all’80% del valore dell’immobile.
  • Esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale; in caso di acquisto soggetto a Iva, tale pagamento sarà recuperato come credito d’imposta.
  • Esenzione dall’imposta sostitutiva per i mutui erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili a uso abitativo.

Cosa succede in caso di contratti preliminari

L’agevolazione prevista dal Dl Sostegni BIS non può essere applicata ai contratti preliminari ma soltanto agli atti traslativi o costitutivi a titolo oneroso. Una volta concluso il contratto, però, è possibile fare la richiesta per il rimborso dell’imposta versata per l’acconto e la caparra.

Casa all’asta? Sì al beneficio

È possibile accedere alle agevolazioni previste dal Dl Sostegni Bis se l’immobile viene acquistato tramite un’asta giudiziaria, purché siano presenti tutte le condizioni necessarie.

Sei alla ricerca di una casa? Contatta Vecchioni Immobiliare. Ci trovi a Roma, in Via Ottavilla 7 (Monteverde). Per la richiesta di informazioni o per fissare un appuntamento puoi telefonarci allo 06.5818300 o inviarci una mail a info@vecchioniimmobiliare.com

Una grande agevolazione per chi possiede una casa è oggi il Superbonus 110, che permette di ristrutturare a condizioni particolarmente vantaggiose e avere, come effetto secondario, un immobile di valore maggiorato. 

Scopriamo il Superbonus 110

Il Superbonus 110% è un’agevolazione fiscale che porta al 110% l’aliquota che si può detrarre per interventi eseguiti in determinati ambiti.

Chi può richiedere il Superbonus

Il Superbonus può essere richiesto da condomìni, persone fisiche che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento, Istituti autonomi case popolari (Iacp), cooperative di abitazione a proprietà indivisa, Onlus; associazioni e società sportive dilettantistiche (soltanto per lavori agli spogliatoi).

Quando richiedere il Superbonus

Il Superbonus può essere richiesto per lavori di efficientamento energetico degli edifici e introduzioni di nuovi sistemi di approvvigionamento, per adeguamento antisismico. In particolare, è possibile eseguire i seguenti lavori principali:

  • isolamento termico sugli involucri;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni di un condominio, sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti;
  • interventi antisismici.

A questi si affiancano:

  • interventi di efficientamento energetico;
  • installazione di impianti solari fotovoltaici;
  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Come ottenere le agevolazioni fiscali

Le possibilità per usufruire del Superbonus sono diverse:

  • si può detrarre il 110% dalle tasse in cinque quote annuali di pari importo (in quattro per le spese sostenute nel 2022) e comunque entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi.
  • Cedendo il credito a fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi; istituti di credito e intermediari finanziari; altri soggetti (persone fisiche, società ed enti).

Perché affidarsi a un esperto per il Superbonus?

Tutto chiaro? A una prima lettura potrebbe sembrare di sì. Ma quando poi ci si addentra nei dettagli del Superbonus, le particolarità si fanno molto complesse. Ad esempio, cosa succede se la casa presenta delle irregolarità catastali?

Condividi il contenuto